Un brutto pareggio con il Leonardo

Inutile nasconderlo è un pareggio che fa male, molto male, perché era una partita alla portata e non siamo stati in grado di chiuderla prima e così il Leonardo caparbio ha meritatamente portato a casa un pareggio che a un minuto dalla fine sembrava impensabile. Praticamente abbiamo assistito allo stesso epilogo di qualche mese con la differenza che alla penultima della scorsa stagione, proprio contro Leonardo, il palo aveva salvato la vittoria dei ragazzi questa volta invece mentre il cronometro segnava 0,8 secondi alla fine bastava un secondo in più e adesso racconteremo un’altra storia.

Altro

Oggi contro Leonardo appuntamento importante

Decima di campionato con una stagione che è arrivata al terzo del suo incedere, un girone equilibrato dove le sorprese non mancano. E’ venuto il momento di dare qualche zampata sportiva per giocarcela fino alla fine. Contro Milano la squadra ha dimostrato di attraversare un buon momento. Oggi mancherà Celentano squalificato per somma di ammonizioni, ma il resto della squadra c’è ed affronterà con grinta il match. Leonardo ha già dimostrato lo scorso anno di non essere un partner facile e arrendevole, sotto di due reti ha rimontato fino al pareggio e poi una magia di Fortino ha dato i tre punti a Tropiano e compagni non prima di aver fatto provare un brivido ai tifosi astigiani

Altro

Buon punto a Milano e ora testa alle prossime

Una trasferta non facile, Milano imbattuta in casa da oltre un anno non era un avversario facile, eppure la squadra ha affrontato questa partita con il piglio della protagonista quasi sempre avanti, fatti salvo 15 secondi, il tempo intercorso tra il primo vantaggio di Gargantini e l’immediato pareggio di Corsini. Braga e Lotta hanno disegnato un gruppo compatto in grado di imporre gioco azioni. Il risultato maturato alla fine è lo stesso della passata stagione ma il modo con cui si è raggiunto è diverso. Milano aveva battuto Massa, ora prima in classifica L84 e Pagnano in casa quest’anno risultati importanti contro fior di squadre. Si esce quindi da Milano con la consapevolezza di essere sulla strada giusta per il proseguo del campionato forti nella difesa e abili in attacco.

Altro

Verso Milano una partita tosta e difficile

La partita più difficile una lotta contro una delle squadre meglio assortite e più in palla dell’intero campionato che ha perso solo al cospetto di Imola e della sorprendente Aosta ma che ha messo in fila fior di squadre e soprattutto imbattuta sul suo terreno. Il Città di Asti troverà sulla sua strada il fior fiore dei migliori giocatori lombardi già avuti modo di incontrare nelle battaglie più importanti della serie B, giocatori formidabili, e di grande qualità. Sarà una partita tosta in cui non sono ammesse distrazioni.

Altro

Un derby spettacolare

E’ il derby partita senza pronostico, o meglio da 1X2, tutti possono segnare e vincere e allo stesso tempo perdere, nulla è scontato nulla è banale, si gioca per lo spettacolo, per il futsal per il predominio regionale. C’è la Tv si va sul prime time serale e la partita la vedi subito tosta e spigolosa il giusto, è uno sport che diamine di contatti. Qualche occasione, un palo scheggiato da Lucas ma poi complici anche i falli che diventano numericamente pesanti per il Città di asti, L84 si fa aggressivo e su una ripartenza su Major Turello ruba palla e insacca al sette, qualche timida protesta per un contatto tra Major e Turello toglie concentrazione ai padroni di casa che realizzano il sesto fallo.

Altro

Il ritorno di Peninha

Certi amori fanno giri immensi e poi alla fine ritornano è una hit single di successo che sancisce l’attaccamento di una persona a un sogno, a un progetto a una maglia questo è il senso di Joao Renato Costa, meglio conosciuto come Peninha che tona a vestire il biancorosso alla corte di Lotta e Braga dopo l’esperienza del 2017. Lo ricordiamo tutti il piccolo furetto che in velocità si mangiava il Palasanquirico, 26 anni che dopo l’approdo al Città di Asti è stato al Real Cefalu.

Altro

Sabato sera alle 19 un derby di passione. Tutti al Palasanquirico

Una partita diversa da tutte le altre in palio c’è molto di più della vittoria, c’è la supremazia regionale, c’è la voglia di continuare a fare bene e a rigiocarsi partite importante come quelle della passata stagione. Peccato che qualche testata fomenti notizie non vere per scombinare una serenità che è invece il mantra di questa stagione. Non si parla ora di mercato, per quello ci sarà tempo e occasione propizia, ora è tempo di prepararsi. A Brandizzo in Coppa di divisione fu una partita intensa in cui il Città di Asti pur privo di qualche pedina e con un’espulsione sul tabellino rese difficile la vittoria dell’L84.

Altro