Buona la prima, il Città di Asti passa a Bresso

E la prima è andata. Non è mai facile giocare a settembre contro squadre preparate e motivate e il Domus Bresso è una di queste, gruppo tosto ben allenato e con un Surace in più vero e proprio uomo futsal già incontrato diverse volte in passato. Sono in palio i primi punti, sono gli scontri da dentro e fuori, quelli senza domani. E’ soprattutto l’esordio per la coppia Braga/Lotta una partita tirata in cui al crepuscolo del primo tempo Lucas trova lo spiraglio, poi su punizione a inizio ripresa Mendes trova l’infilata giusta sul palo più lontano. Un due a zero tranquillo, sembra, ma giochi fuori casa, e nel futsal basta un attimo. Surace si ricorda i trascorsi contro gli astigiani e indovina due belle parabole che condannano i piemontesi all’extra time.

Qui però sale in cattedra il portiere avversario e i legni che negano la gioia della rete al Città di Asti. Si va così ai rigori e qui l’uomo che aveva indirizzato la sfida Surace si fa ipnotizzare da Tropiano che devia il tiro. Si torna a casa con la certezza della vittoria e con l’amalgamo di un gruppo che partita dopo partita cresce Partita tosta su un campo difficile contro una squadra ben organizzata e con un portiere super. Dobbiamo ancora lavorare molto però mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra che ha lasciato letteralmente il cuore in campo. C’è poi da considerare un aspetto le ultime due stagioni hanno sempre visto il Città di Asti perdere la prima in casa nelle coppe se con rose….